Nascita della Parrocchia

1957 - Le Premesse

Con documento della Curia vescovile del 5 luglio, prot. 108/57, avviene la cessione di alcune parti del territorio delle parrocchie di San Trovaso e Dosson in favore di quella di San Lazzaro, creando unità nel territorio di Frescada, il germe della futura Curazia autonoma. Il confine sud della futura parrocchia di Frescada è fissato dal corso del fiume Dosson, all’altezza dell’attuale albergo Bolognese‑Villa Pace; la località delle Grazie e lo storico santuario continuano ad appartenere alla parrocchia di San Trovaso

1958 - La Chiesa Oratorio

il 18 maggio 1958 la chiesa ‑ oratorio di Frescada diventa realtà. Il nuovo edificio viene benedetto dal vescovo ausiliare di Treviso, mons. Giuseppe Carraro, ed è dedicato a Santa Maria Regina del Mondo e a San Giovanni Battista.

1970 - Curazia autonoma

Mons. Antonio Mistrorigo firma il decreto di erezione della Curazia autonoma di Frescada con prot. 28/70 in data 8 marzo 1970, mentre con decreto 29/70, con il più solenne linguaggio latino, decreta la nomina di don Mario Gardin reggente della neonata Curazia.

1974 - Parrocchia autonoma

Nel 1972, Frescada diventa Parrocchia spirituale e due anni dopo, nel 1974, Parrocchia autonoma. Verrà riconosciuta anche dallo Stato italiano attraverso il decreto 528, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 2 agosto 1976.

1980 - Una Nuova Chiesa

Passa il decennio degli anni Settanta, Frescada registra un successo immobiliare e di consenso come poche altre periferie. La chiesa‑oratorio edificata nel 1958 diventa insufficiente per le esigenze del culto e sotto l’impulso del parroco don Mario Gardin si ipotizza la costruzione di un nuovo e più ampio edificio sul terreno ad essa attiguo.

La Nuova Chiesa

1982 - Posa Prima Pietra

La prima pietra viene posata il 21 febbraio 1982, anche se occorrerà attendere ancora qualche tempo per l’avvio dei lavori, ma non più di tanto. Qualche mese dopo, infatti, si apre il cantiere e la costruzione della nuova Casa di Dio inizia a prendere forma fin dalle fondamenta

1982-1984 - La Costruzione

L’idea‑guida che ispira il progetto nasce dalla fede; si sviluppa «nel pieno rispetto delle norme liturgiche stabilite dal Concilio Vaticano II» e di quelle architettoniche. Infatti, nella progettazione si è tenuta presente la necessità di non alterare la fisionomia dei fabbricati circostanti e lo skyline complessivamente risultante. Si è preferito distribuire i volumi in senso orizzontale affinché l’altezza complessiva della nuova costruzione non superasse quella delle abitazioni limitrofe. Da qui la scelta di pianta ellittica per la chiesa.

23.12.1984 - Ingresso

Dopo più di due anni, il 23 dicembre 1984, la comunità di Frescada celebra il passaggio dalla chiesa‑oratorio alla nuova chiesa. I lavori di completamento e di rifinitura che verranno eseguiti nei successivi sei anni, per merito di una autentica gara di generosità di tutti i parrocchiani.

01.04.1990 - La dedicazione

La festa della dedicazione della chiesa di San Giovanni Battista e la consacrazione dell’altare si celebrano con una solenne liturgia il 1° aprile 1990 dopo che il vescovo di Treviso, mons. Paolo Magnani, circondato dall’intera Comunità, ha ricevuto dalle mani dell’architetto Daniele Paggiaro le simboliche chiavi. La nuova chiesa è moderna e avveniristica.